martedì 27 dicembre 2011

Creazioni natalizie!


Dopo aver fatto un pò di lezioni ed esperimenti con la mia nonnina, ho finalmente deciso di comprare la mia prima macchina da cucire!! Mi sono fatta questo bellissimo regalo di Natale anticipato :)  Ho praticamente studiato il libretto d'istruzioni e piano piano, ho iniziato a creare un po' di cosine da regalare ad amici e parenti..
Borsa in jeans e cotone 

Borsa in velluto grigio e cotone 


Shopping bag in cotone


Copri Pc in cotone



Tovagliette super colorate in cotone



Porta trucchi e quant'altro in cotone
astuccio simpatico :)
Mini pochette

sabato 17 dicembre 2011

Eco-pulizie

E' da tempo che cerco e sperimento soluzioni diverse per coniugare le pulizie casalinghe con il rispetto dell'ambiente. Inizialmente usavo diversi prodotti eco-bio, ma benchè siano dei buoni prodotti hanno come svantaggio il costo che è decisamente alto e la produzione di rifiuti. Anche se faccio la differenziata sono comunque flaconi che potrebbero essere tranquillamente riutilizzati. 
Allora ho pensato di cercare rivenditori di detersivi alla spina, quanto meno per risolvere il problema dei rifiuti. Tutti i negozio equo solidali e i rivenditori di prodotti biologici offrono la possibilità di acquistare detersivi alla spina, ma trovo che quelli della Coop offrano il miglior rapporto qualità prezzo. Il flacone si compra una volta e costa 50 cent. e i detergenti (per lavatrice, per piatti a mano e per i pavimenti) costano poco piu' di 1 euro a litro. Ma poi ho iniziato a informarmi sulla possibilità di autoprodurre i detergenti e così sono arrivata ad un buon compromesso tra prodotti acquistati alla spina e autoprodotti:

Detergente spray universale per superfici lavabili : Acqua, aceto e olio essenziale a scelta (io uso quello al limone che oltre ad avere un buonissimo profumo è anche battericida)
Lavastoviglie: flacone riempito per metà di sapone per piatti e per l'altra metà di aceto di vino bianco (va benissimo anche quello di mele). Usarne solo un cucchiaino da caffè per evitare schiuma eccessiva!A posto del brillantante metto l'aceto di vino bianco.
Lavatrice  Per ora uso quello della Coop ma ho letto della possibilità di usare il sapone di marsiglia sminuzzato in piccoli pezzi, proverò!Nessun ammorbidente chimico, solo aceto di vino bianco e 2 gocce d'olio essenziale.
Pavimenti  Anche qui mi trovo bene con quello della Coop ma proverò la soluzione che ho letto su un carinissimo libricino sull'aceto che propone di usare acqua, aceto e 5 gocce di olio essenziale di tea tree. ( olio di melaleuca).Quest'olio ha delle ottime proprietà antibatteriche. 

domenica 11 dicembre 2011

le mie prime pochette!



Quest'anno ho deciso che regalerò solo oggettini autoprodotti e dal momento che mi sto appassionando all'arte del cucito, amici e parenti riceveranno le mie  primissime creazioni ;) Ho iniziato da queste due pochette che regalerò a due amiche che hanno sempre mille cose sparse in borsa..magari una pochette porta trucchi o qualsiasi altra cosa potrò tornar loro utile! Sono molto semplici, ma sono abbastanza soddisfatta  di come sono venute. Speriamo piacciano anche alle "destinatarie"  :-)

"Simil muffin" mandorle e carote

Ho trovato questa ricetta in un libro, l'ho leggermente modificata e sono rimasta letteralmente entusiasta del risultato!
Ingredienti: 250gr di farina 0 , 250 gr di farina manitoba, 250 gr di olio di semi di mais,200 gr di malto di riso 300gr di carote, 100 gr di mandorle pelate, un cucchiaino da caffè di sale e uno di cannella, buccia grattuggiata di limone, 20 gr di lievito di birra, 10 cl d'acqua tiepida.

Procedimento: sciogliere il lievito nell'acqua e aspettare che si formi un po' di schiumetta. Tritare le mandorle con un mixer e poi aggiungere le carote precedentemente pulite e tagliate a tocchetti ,il sale, la cannella e la buccia di limone e tritare finemente. Poi aggiungere l'olio e il malto e tritare fino a fare amalgamare bene il composto.
In una ciotola mettere le farine, il composto di carote, l'acqua con il lievito e miscelare fino ad ottenere un composto morbido. Far riposare una mezz'oretta e poi riempire a 3/4 gli stampini della teglia.
Infornare a 190° per 15/20 minuti...e poi buona merendaaa!!!Oltre ad avere un profumino super invitante, sono davvero buonissimi e molto leggeri!Uno tira l'altro!

sabato 3 dicembre 2011

La mia prima creazione!!!!

Sabato scorso è stato il compleanno di una mia amica a cui ho deciso di fare "l'onore" di ricevere la mia primissima creazione!E' un porta pc, ma si puo' trasformare tranquillamente in una borsa porta documenti.

Naturalmente la supervisione di mia nonna è stata fondamentale, ma comunque sono davvero felice del risultato!
L'idea mi è venuta guardando le fantastiche creazioni di un'altra blogger davvero brava (Orsomichele!)

domenica 27 novembre 2011

vegan muffin!

Questo week end ,dopo diverse sperimentazioni, sono finalmente a fare dei buonissimi vegan muffin!
Ingredienti:
300 gr farina 00 (possibilmente bio)
150 gr di zucchero di canna (ho usato quello equo-solidale della coop)
una bustina di lievito
400 cl circa di latte di soia
pezzi di cioccolato fondente a piacere

Ho messo in una ciotola tutti gli ingredienti secchi, poi ho unito i latte, il cioccolato. Tagliare le pere a pezzettini e poi unirle al composto (consiglio di riporle prima in una ciotola con un po' di farina per evitare che rimangano sotto).
Ho amalgamato  il composto con la frusta e poi ho riempito gli stampini della teglia per muffin.
Ho infornato per circa 20 min. a 180. (fare la prova dello stecchino, se dopo averlo infilato è asciutto, sono pronti, altrimenti, se è umido, bisogna farli cuocere ancora un pò)
Il risultato è stato molto apprezzato anche dal maritino, che in genere non ama i dolci vegan.
Come vedete dalla foto non so perchè ma nella cottura hanno assunto una forma un po' strana..sembrano le casette dei puffi!! :-)

sabato 26 novembre 2011

Momenti..

Dai primi di ottobre il maritino ha iniziato a fare un corso per diventare educatore cinofilo e così un week end sì e uno no mi ritrovo "sola soletta", a volte con la nostra pazza pelosetta, altre no perchè le fa da "socia" al corso.
E devo dire che, certo preferirei stare con lui visto che insieme è tutto molto piu' bello, ma comunque non patisco per niente questi momenti di solitudine. Sono momenti in cui riesco a dedicarmi pienamente a me stessa, mi ricarico e mi dedico tranquillamente alle mie passioni: leggere, cucinare, fare yoga, creare.. sono momenti in cui ho tempo di riflettere, di fare bilanci, di capirmi e conoscermi meglio. Momenti in cui non ricerco una compagnia a tutti i costi, in cui mi tengo ben lontana dai centri commerciali e dai luoghi affollati tipici dei fine settimana.
Momenti in cui mi rendo conto di quanto sia estremamente importante trascorrere tempo con le persone, non per un bisogno ma per un reale desiderio di condividere certi momenti con quella persona.
Sono giunta a queste conclusioni da poco, sono diventata più consapevole con il tempo, anche grazie ad alcuni sbagli che ho fatto in passato, quando ho intessuto relazioni più basate sul bisogno reciproco che su una reale stima. Erano rapporti che non permettevano a nessuno dei due di essere se stessi fino in fondo, non erano rapporti sani, probabilmente perchè  nati in momenti particolari delle nostre vite. Ma questi sbagli sono stati dei trampolini di lancio nella mia nuova vita, mi hanno permesso di essere ora quella che sono e di entrare finalmente in contatto con me stessa, di trovare un equilibrio. Io sono cambiata e vivo la mia vita in una prospettiva diversa, ma non tutti hanno fatto e fanno altrettanto. Se loro sono felici così, ben venga. Anche se credo sia una felicità molto superficiale.
Il punto è che non sono capace di vivere delle relazioni superficiali, non sono capace di fare sorrisetti di circostanza a chi in realtà non mi piace o di non dire come la penso anche quando tutti dicono la stessa cosa e io vengo vista come un alieno. Ma spesso mi ritrovo in polemiche sterili sul vegetarianesimo e altri argomenti in cui, guarda un po', ho delle opinioni "davvero strambe".E sinceramente sono fiera e felice di essere così, di cercare di vivere la mia vita secondo le mie reali necessità e non secondo dei bisogni indotti. Sono contenta di avere imparato a fare il pane in casa, i liquori e tante altre ottime cose, di avere iniziato a prendere "lezioni" di cucito dalla mia saggia nonnina (e avere creato il mio primo porta computer!! ma devo anche ringraziare un'altra blogger per l'ispirazione ;))  ), di cercare di usare meno la macchina prediligendo gli spostamenti in bici,  di essere vegetariana e di consumare alimenti bio e/o equo solidali. 
Sono cambiata, sto cambiando, sto imparando  tantissime cose, soprattutto sto imparando a scegliere con cura chi avere nella mia vita. 
Ma soprattutto sto imparando che guardarsi dentro, in modo profondo, lontano dalle parole, dai rumori, dai pettegolezzi della gente sia l'unico modo per conoscersi realmente e per superare, o quanto meno lavorare sulle proprie paure e sulle proprie insicurezze.  






sabato 19 novembre 2011

wow..da dove sono partita??


Da qualche anno a questa parte ho modificato alcuni miei comportamenti, oltre ad essere diventata vegetariana, ho cercato di orientarli  verso uno stile di vita più "eco ed equo" Sicuramente il punto di partenza, o ciò che ha dato inizio a questo mio percorso di crescita  è stata l'organizzazione del matrimonio.
Entrambi eravamo d'accordo nel non volere nulla di sfarzoso nè eccessivamente dispendioso sia per la mancanza di euri, sia perchè fare qualcosa  di super fighetto comunque non ci avrebbe rappresentato. Così abbiamo iniziato a rifletterci su.
PRANZO: Sarebbe stato bellissimo fare una cosa molto easy, tipo un mega pic-nic in cui ognuno avrebbe dovuto portare qualcosa. Ma sono subito sorti i primi problemi perchè, pur scervellandoci, non abbiamo trovato nessun posto dove poter fare una cosa del genere. Andava organizzata nei minimi dettagli e,  siccome non era l'unica cosa a cui pensare, siamo passati al piano b: il catering.Mi sono rivolta a un ristorante equo solidale dove ogni tanto vado a mangiare in pausa pranzo. Cibo ottimo, bio ed equo, personale disponibile e super gentile. Ma anche qui bisognava trovare una location..e abbiamo trovato solo castelli e "dimore di charme" che proprio non facevano per noi. 
Un giorno il futuro "maritozzo"  trova un agriturismo nell'astigiano, piu' precisamente a Costigliole d'Asti. Appena siamo arrivati ce ne siamo subito innamorati!!Prezzi accessibilissimi, personale super gentile e posto incantevole!Scelta ottima, anche col senno di poi (..non siamo stati gli unici a rimanere soddisfatti, l'anno dopo anche una coppia di nostra amici ha festeggiato il matrimonio lì :) )
ABITI, TRUCCO E PARRUCCO: Inizio la ricerca andando a provare i primi abiti in un negozio di abiti da sposa.Vestiti bellissimi e carissimi!!Non ci posso fare nulla, io non capisco davvero come sia possibile spendere 2000 euro (quand è poco) per un vestito da sposa. Va bene, ti sentirai anche una  principessa per un giorno, ma cavoli sono taaantissimi euri!!Mi dispiace, non ce la faccio. Insomma,  mi è balenata l'idea di cercare qualcuno che me lo potesse cucire..Cercando nel web h trovato una sartoria in centro a Torino, una cooperativa sociale di donne. La stilista, è stata paziente e bravissima, ho comprato la stoffa e loro me l'hanno cucito su misura. Seguendo i miei deliri, visto che prima volevo il pantalone, poi la gonna, prima giallo, poi bianco ecc..Morale: manodopera 250 euro,stoffa anche. Di meno non sono riuscita a trovare. Tornassi indietro forse cercherei qualcos'altro (intendo stoffa)ancora a meno. Anche il maritozzo si è rivolto ad una sartoria..ma ha speso un po' di più.
Trucco: una cara amica. Parrucco: li ho tenuti sciolti, molto "nature" mi ha fatto una piega e messo un fiore dietro all'orecchio..e comunque era una mia vecchia conoscente, insomma 12 euro.
LISTE NOZZE:una piccola nel negozio "Altromercato"  e poi lista viaggio.: siamo andati un Australia. Forse su questo avremmo potuto risparmiare, ma adoriamo viaggiare, è il nostro "vizio".
PARTECIPAZIONI  una mia amica web designer mi ha fatto la grafica e poi le ha fatte stampare da una tipografia con cui le ha collaborato. Costo circa 50 euri.
FOTO: anche qui, una mia cara amica. Niente filmino, nè foto correndo tra le balle di fieno. Qualche foto "vera" senza pose e con l'occhio di qualcuno che mi conosce da circa 15 anni..
BOMBONIERE: marmellate comprate in un negozio equo solidale, "Altromercato". Buonissime, mi sono preoccupata di provarle tutte prima!!Anche i confetti (strabuoni anche quelli) e i sacchetttini in juta li ho presi lì.
FIORI: pochissimi, comunque anche qui ho cercato di rivolgermi ad una conoscente.
Non abbiamo speso molto, ma soprattutto sposandoci abbiamo sposato altre "cause" in cui crediamo.Sicuramente si poteva fare di piu', ma questo è stato quello che abbiamo potuto fare noi.
Per chi fosse interessato all'argomento consiglio "Giuste nozze" editrice Monti, costo circa 6 euro.